Le schede previdenziali di Anasf

PRONTUARIO PROFESSIONALE/COMMERCIALE

Il tema pensionistico è da sempre un argomento molto delicato, tanto di più negli ultimi anni da quando, a seguito dell’allungamento dell’aspettativa di vita e del calo delle nasciate, sono stati alzati sia gli anni di età anagrafica che gli anni di contributi necessari per l’accesso al pensionamento. Nonostante questi accorgimenti, la pensione pubblica rappresenterà solo una percentuale dell’ultimo reddito percepito dal lavoratore e non permetterà di mantenere uno stile di vita adeguato anche da pensionato.
Comprendere le scelte previdenziali delle famiglie, capirne le determinanti, valutarne l’adeguatezza è dunque fondamentale. Ciò vale soprattutto per i consulenti finanziari, chiamati a svolgere un delicato ruolo consulenziale nell’approntamento di una pianificazione adeguata al cliente. A maggior ragione se si considera che, a tutt’oggi, la scarsa conoscenza del problema costituisce uno dei fattori che frena la crescita del risparmio pensionistico.
Occorre quindi analizzare quali siano i comportamenti da attuare quando il Cf deve impostare una pianificazione previdenziale di medio e lungo periodo, e di come il consulente possa indirizzare il proprio cliente verso una scelta ponderata ed efficace. Ed è questo lo scopo delle schede predisposte dall’Associazione, che analizzano in modo dettagliato le prospettive pensionistiche di 50 profili (lavoratori pubblici, privati, autonomi e liberi professionisti). Un aiuto all’associato, che nel proporre un fondo complementare rassicura il proprio cliente sulla approfondita conoscenza della sua prospettiva previdenziale.

Al seguente link www.anasf.it/documento/758 è visibile la prima scheda previdenziale sui dipendenti statali, che analizza in dettaglio i seguenti temi: 

  • contribuzione obbligatoria;
  • trattamenti pensionistici;
  • trattamenti di invalidità;
  • l’APE;
  • come si costruisce la pensione.